Mundi.News

Bolívia, El Diario, Espanhol

Bolívia, El Diario, Espanhol

Bolívia, Opinión, Espanhol

Bolívia, Opinión, Espanhol

Colômbia, El Mundo, Espanhol

Colômbia, El Mundo, Espanhol

Equador, El Mercurio, Espanhol

Equador, El Mercurio, Espanhol

Equador, La Hora, Espanhol

Equador, La Hora, Espanhol

Paraguai, Popular, Espanhol

Paraguai, Popular, Espanhol

Uruguai, El Observador, Espanhol

Uruguai, El Observador, Espanhol

Bósnia Herzegovina, Oslobodenje , Bósnio

Bósnia Herzegovina, Oslobodenje , Bósnio

Chipre, Kribus Gazetezi, Turco

Chipre, Kribus Gazetezi, Turco

Chipre, Dialogos, Grego

Chipre, Dialogos, Grego

Holanda, Volkskrant.nl, Holandês

Holanda, Volkskrant.nl, Holandês

Holanda, Dse.nl, Holandês

Holanda, Dse.nl, Holandês

Guiana, Guyana Chronicle, Inglês

Guiana, Guyana Chronicle, Inglês

Guiana, Guyana Times, Inglês

Guiana, Guyana Times, Inglês

Suriname, Stabroeck News, Inglês

Suriname, Stabroeck News, Inglês

Suriname, Waterkant, Holandês

Suriname, Waterkant, Holandês

Bósnia Herzegovina, Avaz , Bósnio

Bósnia Herzegovina, Avaz , Bósnio

Espanha, El Mundo, Espanhol

Espanha, El Mundo, Espanhol

Inglaterra, The Guardian, Inglês

Inglaterra, The Guardian, Inglês

Inglaterra, The Sun, Inglês

Inglaterra, The Sun, Inglês

Notícias
Bolívia, El Diario, Espanhol

Bolívia, El Diario, Espanhol

Bolívia, Opinión, Espanhol

Bolívia, Opinión, Espanhol

Colômbia, El Mundo, Espanhol

Colômbia, El Mundo, Espanhol

Equador, El Mercurio, Espanhol

Equador, El Mercurio, Espanhol

Equador, La Hora, Espanhol

Equador, La Hora, Espanhol

Paraguai, Popular, Espanhol

Paraguai, Popular, Espanhol

Uruguai, El Observador, Espanhol

Uruguai, El Observador, Espanhol

Bósnia Herzegovina, Oslobodenje , Bósnio

Bósnia Herzegovina, Oslobodenje , Bósnio

Chipre, Kribus Gazetezi, Turco

Chipre, Kribus Gazetezi, Turco

Chipre, Dialogos, Grego

Chipre, Dialogos, Grego

Holanda, Volkskrant.nl, Holandês

Holanda, Volkskrant.nl, Holandês

Holanda, Dse.nl, Holandês

Holanda, Dse.nl, Holandês

Guiana, Guyana Chronicle, Inglês

Guiana, Guyana Chronicle, Inglês

Guiana, Guyana Times, Inglês

Guiana, Guyana Times, Inglês

Suriname, Stabroeck News, Inglês

Suriname, Stabroeck News, Inglês

Suriname, Waterkant, Holandês

Suriname, Waterkant, Holandês

Bósnia Herzegovina, Avaz , Bósnio

Bósnia Herzegovina, Avaz , Bósnio

Espanha, El Mundo, Espanhol

Espanha, El Mundo, Espanhol

Inglaterra, The Guardian, Inglês

Inglaterra, The Guardian, Inglês

Inglaterra, The Sun, Inglês

Inglaterra, The Sun, Inglês

Itália, Corriere, Italiano


di Flavio Vanetti

La sciatrice: «Prima dello sci amavo la ginnastica
artistica. Le atlete che si truccano? Siamo donne»

Marta Bassino è una capitana due volte coraggiosa. Prima di tutto lo è come sciatrice. Con costanza e pazienza, «sapendo che era un percorso da fare, avendo la consapevolezza del mio valore», sabato scorso a Crans Montana è tornata a vincere nella Coppa del Mondo (primo centro della carriera in discesa) e il giorno dopo è stata terza in superG. Fin qui era stata una stagione priva di gioie. Però Marta è coraggiosa anche perché da circa un anno sfida il fardello emotivo della scomparsa di Sara Fina, sua cognata, la moglie del fratello Matteo. Questa non è stata un’intervista semplice. Ma la «Piuma d’acciaio» è stata solida pure nel tagliare un traguardo complicato, superando le insidie del ricordo: una ragione in più per apprezzarla e per inchinarsi davanti a lei.

«Vivi sempre ogni istante e cogli le opportunità»: lo si legge sul suo sito Internet.

«È una frase per le cartoline realizzate per conto della Salomon, mio partner tecnico. È una stella polare? Diciamo che è una bella guida: bisogna vivere il presente e sfruttare ogni occasione».

Ha anche detto che sciare significa libertà.

«Confermo. Ora come ora sciare occupa tanto spazio nella mia vita e quello che faccio lo vivo in funzione di quel concetto».

Che cosa vuol dire allenare il talento?

«Tutti gli atleti di alto livello dispongono di talento. Ma da solo non basta: bisogna elaborarlo. Occorre capire, e non solo nello sport, quali sono le nostre possibilità e coltivarle a dovere».

Di nuovo una sua massima: «Le scelte condizionano la vita». È possibile intervenire per cambiare, oppure l’imprinting è definito?

«Puoi fare le tue scelte, ma la vita è in grado di sconvolgere ogni piano in un attimo. Quindi si deve sì avere un programma, ma è bene vivere alla giornata. E dopo la mia esperienza…».

È a questo punto che il silenzio di Marta manda in pausa l’intervista. Quanto è successo alla cognata a inizio marzo del 2023 è un flash che, quando torna, ferisce. Dopo qualche minuto, eterno anche per chi deve porre le domande, la campionessa azzurra fa cenno che è pronta a riprendere.

Lei è una paladina dei valori della famiglia e della vita legata ai luoghi natii.

«Sono affezionata alle mie terre e alle mie montagne: sono anche testimone delle Alpi di Cuneo. Sono vicina alla zona occitana ma non parlo il suo dialetto e nemmeno la lingua d’oc, che tra l’altro è diversa. Capisco il dialetto piemontese, ma non so parlarlo molto bene».

Tra le sue esperienze, quella di andare a Lourdes ad assistere gli ammalati.

«È un po’ che non torno. Ma Lourdes è un luogo che mi conferisce una sensazione di pace e di spiritualità».

Era brava pure nella ginnastica artistica. In precedenti interviste diceva di non sapere dove sarebbe potuta arrivare in questa disciplina: ha trovato la risposta?

«No. Ma se ho scelto di lasciare la ginnastica per lo sci avevo capito che lo sport mi indirizzava sulla neve».

Che cosa porterebbe via a Mikaela Shiffrin?

«La costanza con cui sa confermarsi e a riconfermarsi. Un martello implacabile».

Marta Bassino sostiene che nello sport serve anche l’egoismo.

«Sì, un po’ ci vuole. In qualche modo bisogna riuscire a mettere sé stessi al centro prima di tutto il resto».

Lei passa per essere l’«equilibratrice» all’interno della Nazionale. È vero?

«Di base sì: di carattere sono tranquilla e credo di sapermi districare bene in mezzo alle varie situazioni».

Ha una posizione centrale rispetto alle altre, in particolare colleghe dalla personalità forte come Sofia Goggia e Federica Brignone?

«Ah, ma non mi metto in mezzo tra loro due: io faccio il mio. E non sono un arbitro: ognuno fa il proprio verso, com’è giusto che sia».

Oro mondiale nel 2021 a Cortina nel parallelo; bis in superG lo scorso febbraio a Meribel. Dopo il secondo titolo iridato sente di essere diventata una regina dello sci?

«So di aver raccolto tanti bei risultati. Ma preferisco dire che mi sento esattamente così come sono e che vivo nel presente: quindi non saprei tracciare la mia evoluzione come sciatrice. Peraltro so quello che valgo e so anche che io, Sofia e Federica costituiamo un grande trio. Federica Brignone è stata un modello per me, noi lo saremo per le più giovani».

Lei è sempre molto discreta: teme la curiosità del prossimo?

«Alla gente piace sapere dei cavoli altrui. Ma visto che noi atlete siamo esposte per quello che facciamo, se riusciamo a tenere privati certi aspetti non va affatto male».

In amore ha mai dato dei due di picche?

«Mai. Quando mi sposerò? Per ora io e il mio fidanzato stiamo bene: andiamo avanti così».

Le piacciono le giovani donne di oggi?

«Il mondo sta cambiando, le vedo differenti. Io ho 27 anni (28 il 27 febbraio, ndr), sono giovane. Ma sento di appartenere a una generazione anteriore alla loro».

Che cosa non convince di queste ragazze?

«Premesso che non tutte sono uguali e che non bisogna generalizzare, penso che siano i social network a spingere a certi comportamenti. Però apparire a tutti i costi non fa bene e non è la cosa più giusta del mondo».

Quanto conta essere belli e carini?

«Anche se non dovrebbe essere così, un po’ aiuta. Ma poi devi saperti valorizzare».

Sono sempre di più le atlete che si truccano per le gare.

«Siamo donne, non maschiacci: chi più, chi meno, valorizza il lato femminile di sé stessa».

Marta sa far da mangiare?

«Quanto serve per sfamarmi… Ma me la cavo. Quando faccio la spesa sto sul semplice».

Le danno una carta di credito senza limitazioni: che cosa fa?

«Parto per un viaggio».

Musica, cinema, libri: quanto entrano nella sua vita?

«Leggere mi piace, ma va a periodi. Seguo molto le serie di Netflix, privilegiando le trame in cui c’è romanticismo».

Lei è una sciatrice, però teme il freddo.

«Devo conviverci, lo patisco: il caldo e il mare sono ben altra cosa. Il mio mare da urlo? Quello cristallino e con tante sfumature dei Caraibi: roba da cartolina».

Ha mai pensato di fare la nuotatrice?

«No, per nulla. Amo il mio sport, non lo cambierei con nient’altro. Ma vivendo tanto sulla neve, appena posso scappo».

Si immagini di essere una straniera: quali aspetti prenderebbe dell’Italia e quali consigli darebbe?

«Punterei sul mangiar bene, prima di tutto; poi sulla bellezza dei paesaggi e sul fascino della storia italiana. Il consiglio? Impegnarsi a fare di più per questo Paese».

Alla donna di oggi manca qualcosa?

«Ci sono ancora margini per migliorare la situazione, ma guardando al passato sono stati compiuti passi da gigante».

Lei era stata paragonata al pesciolino Dory dei cartoon.

«Storia di un bel po’ di anni fa: era stato il mio skiman in Coppa Europa a chiamarmi Dory, il pesciolino sbadato. Sono ancora così? Mah, non so, dipende…».

Corriere della Sera è anche su Whatsapp. È sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati.

23 febbraio 2024 (modifica il 23 febbraio 2024 | 07:34)



Corriere

Notícias

Ásia, Deutsche Welle, Inglês, traduz

West African leaders and diplomats met on Saturday to discuss the region’s challenges after a string of coups threatened to weaken the regional bloc of the Economic Community

Austrália, The Australian, Inglês

Vogue Living, Australia’s leading prestige design and lifestyle brand, has today announced the inaugural VL50 Awards, a celebration of the country’s top 50 interior designers,

Ilhas Salomão, Solomon Star News, Inglês

THE case involving the mining row in Isabel Province that saw the destruction and damage of family properties in Jejevo village will undergo a new

Ilhas Cook, Cook Island News, Inglês

Cook Islands Cricket men’s team during their recent New Zealand tour. The association is set to launch its 2024 Rarotonga Super Slam Competition today.